Ue: Draghi, Guido Carli credeva fortemente in Europa fatta di occupazione e solidarieta’

Roma, 06 mag – (Nova) – Si e’ conclusa oggi a Roma la XIII edizione del premio Guido Carli con la consegna dell’ambito riconoscimento a 13 eccellenze italiane distintesi non solo nel campo dell’economia, dell’imprenditoria e del sociale ma anche nel mondo della diplomazia, dell’arte, dello sport e del cinema. E’ quanto si legge in una nota. Una edizione davvero straordinaria che ha preso l’avvio con la concessione da parte del presidente Sergio Mattarella della medaglia del presidente della Repubblica e si e’ chiusa nel migliore dei modi oggi a Roma, nella sala Petrassi
dell’Auditorium Parco della Musica, con un messaggio inviato al Cavaliere Romana Liuzzo dal capo del governo, Mario Draghi. “Sono felice di inviarLe i miei saluti in occasione della cerimonia di conferimento del premio Guido Carli, istituito per ricordare la figura del Governatore”, scrive il presidente Mario Draghi al Cavaliere Romana Liuzzo, presidente della Fondazione Guido Carli. “Carli – continua il residente del Consiglio e gia’ Governatore della Banca d’Italia – credeva fortemente in un’Europa fatta di crescita, occupazione, solidarieta’. Sono gli stessi valori che da tredici anni la Fondazione riconosce alle personalita’ che piu’ si sono distinte per talento, impegno sociale e spirito imprenditoriale. Con la fiducia che sapremo essere degni eredi di Guido Carli e dei suoi insegnamenti, invio a Lei e a tutti i partecipanti i miei migliori auguri di buon lavoro”. La cerimonia e’ stata aperta da Romana Liuzzo, ideatrice del premio e nipote dello statista, che ha sottolineato l’importanza dell’Unione europea e del suo ruolo. “L’Europa che sognava Guido Carli ci conduce a un’unica madre – ha detto -, l’Europa di tutti che e’ madre dei diritti, potenza soccorrevole dei cittadini che chiedono liberta’, ma anche protezione contro la notte della storia”.

A dare l’avvio ai lavori e’ stato Gianni Letta, presidente onorario della Fondazione. Nel corso della cerimonia sono intervenuti il ministro degli Esteri, Luigi di Maio, e il ministro della Pubblica amministrazione, Renato Brunetta. Di Maio, nel messaggio inviato alla presidente Liuzzo, ha voluto congratularsi, “a nome della Farnesina e mio personale, con i vincitori del premio Guido Carli, che in questa straordinaria XIII edizione non appartengono esclusivamente al mondo economico e dell’imprenditoria, ma provengono anche da quello delle istituzioni, della diplomazia, dell’arte, dello spettacolo e dello sport. Il contributo che con il loro operato hanno assicurato alla resilienza, alla ripresa e al prestigio internazionale dell’Italia in un momento di grave crisi globale come quello che stiamo vivendo, per la pandemia e, da ultimo, a fronte dell’aggressione russa in Ucraina – ha concluso il ministro – e’ motivo di sincera gratitudine e grande orgoglio per tutti noi”. Secondo Brunetta, “Guido Carli e’ stato uno dei protagonisti della trasformazione dell’Italia da societa’ chiusa, a economia protetta, in societa’ aperta, a economia di mercato, sostenendo il ‘vincolo esterno’ come necessario per superare gli egoismi nazionali e migliorare l’economia e l’efficienza del Paese. Nell’Europa del Next generation Eu, dell’agenda Draghi-Macron e delle nuove sfide per un’Unione sempre piu’ sovrana, l’eredita’ di Carli e’ piu’ viva che mai. Se fosse ancora qui, non potrebbe che stare da una parte sola, e noi con lui: dalla parte della nuova Europa”.

07 Maggio 2022

Agenzia Nova

Share Post :