affaritaliani_16novembre-cover

Liuzzo (Fondazione Guido Carli): “Dell’insegnamento nel cammino che congiunge etica e felicità ne facciamo tesoro nel solco del lascito morale di Guido Carli”

ondazione Guido Carli: lectio magistralis a due voci sul il diritto alla felicità e sul futuro dell’etica

Il “diritto alla felicità“, come nuovo comma da inserire nella Costituzione, e un dialogo straordinario a due voci sulfuturo dell’etica. Sono questi gli spunti e le proposte oggetto della lectio magistralissul futuro dell’etica, organizzata dalla Fondazione Guido Carli, che si è tenuta oggi nell’aula magna “Mario Arcelli” dell’Università Luiss.

In continuità con la lezione di Guido Carli  (Governatore della Banca d’Italia, Ministro del Tesoro, Presidente della Confindustria e padre fondatore dell’Europa a cui è intitolata l’Università Luiss) la Fondazione, che prende il suo nome, ha lanciato una nuova sfida per riportare al centro l’individuo e i suoi bisogni. Il progetto, nato da un’idea della Presidente della Fondazione Romana Liuzzo (nipote dello stesso Guido Carli), mira a introdurre nell’articolo 3 della Costituzione italiana, che sancisce il principio di uguaglianza, un comma finale interamente dedicato alla felicità come diritto da riconoscere sul modello americano della Dichiarazione d’Indipendenza.

Nel contesto dei cambiamenti e delle trasformazioni che il Paese sta vivendo a causa della pandemia, la Fondazione ha proposto una lectio magistralis a due voci sul futuro dell’etica, approfondito sotto diversi aspetti (finanza e lavoro, innovazione e impegno sociale, solidarietà e bene comune) con due protagonisti: Gianni Letta, Presidente onorario della Fondazione, e l’imprenditore Brunello Cucinelli.

Negli Stati Uniti, già dal 1776, un emendamento della dichiarazione concede piena cittadinanza alla più naturale aspirazione dell’essere umano: la felicità – ha dichiarato aprendo l’incontro la Presidente Liuzzo-. L’articolo 3, che scolpisce nel nostro ordinamento il principio di uguaglianza, potrebbe concludersi con un comma in cui questo diritto trovi finalmente la sua legittimazione. La felicità, tuttavia, si raggiunge non in forza di una norma, ma in relazione alla dimensione economica e sociale di tutti. Come ci ha ricordato Papa Francesco, occorre superare la ‘cultura dello scarto’. L’economia rende un servizio al bene comune se rimane legata all’etica. Dell’insegnamento nel cammino che congiunge etica e felicità ne facciamo tesoro nel solco del lascito morale di Guido Carli, l’economista, il servitore dello Stato, il nonno che mi ha nutrito di questi valori che finalmente dopo questi mesi difficili, vediamo come luce in fondo al tunnel. E non è un caso che lo stesso Presidente del Consiglio Mario Draghi era stato chiamato da Carli al Tesoro. Questo filo di continuità è energia volta alla realizzazione di ciascun individuo e per il benessere della comunità.

Ci stiamo già muovendo verso un nuovo stato di felicità e di benessere collettivo dopo il Covid – ha affermato la Sindaca di Roma Virginia Raggi -. Noi amministratori abbiamo questa sfida del Recovery Fund, che dobbiamo vincere per ricostruire una comunità e un Paese fondati su principi diversi: di solidarietà, di inclusione di uguaglianza con l’obiettivo di far ripartire il lavoro. Credo sia una grandissima sfida. E penso che, se mai il diritto alla felicità dovesse essere inserito in Costituzione, per noi sarebbe un traguardo ulteriore da perseguire. Perché la felicità di ciascun cittadino, e in maniera più ampia della nostra comunità, è il motivo per il quale noi amministratori cerchiamo di governare la res publica, compiendo scelte nella direzione della tutela del bene comune e quindi, nella direzione della felicità di tutti gli individui”

L’Università è il luogo dal quale partire per costruire il futuro di una società aperta – ha detto il Presidente della Luiss Vincenzo Bocci, connessa e responsabile nella quale le Istituzioni assicurino il funzionamento di un sistema orientato alla cooperazione e alla crescita. Il mondo della formazione e del lavoro devono sapere valorizzare i talenti e le aspirazioni delle nuove generazioni, creando le opportune condizioni e fornendo gli adeguati strumenti per guidare la trasformazione delle nostre società. Sta a noi definire uno spazio condiviso di valori e obiettivi, un’etica della responsabilità per consentire a ciascuno di esercitare il proprio diritto alla felicità”.

Romana Liuzzo prosegue quella lezione che suo nonno Guido Carli ha dato in vita, ma che continua a restituire con un’attualità sconcertante e ogni volta sorprendente anche oggi a noi. Il diritto alla felicità, con l’etica in sottofondo, che il Presidente Boccia ha fatto bene a richiamare – ha spiegato Gianni LettaE’ importante l’identificazione della felicità con il bene comune, quell’interesse collettivo che, secondo Tommaso D’Aquino, è una felicità pensata e vissuta non come stato emotivo ma come riflesso spirituale e psicologico del voler bene e del far bene. Felicità è intesa non solo come desiderio per sé stessi ma come felicità sociale: il presupposto dell’armonica convivenza di una comunità, il substrato di un’etica di lavoro. Sembra retorica o pura teoria, ma non lo è.”

L’essere umano ha bisogno di nutrirsi di grandi ideali, di valori, di fiducia, di tornare a credere nella speranza invece che nella paura, in un anno così speciale. Non ci può essere vita senza speranza: abbiamo bisogno di tornare ad investire nella spiritualità – ha proseguito Brunello Cucinelli -. Viviamo nel miglior momento dell’umanità: perché non ritorniamo ad essere orgogliosi? Mi piacerebbe se, insieme, ridiscutessimo i valori della nostra Italia, su come possiamo ricostruire i nostri valori, perché abbiamo bisogno di rispetto, dignità e di tornare a credere nello Stato. Per questo – anche per cultura – più che l’espressione “diritto alla felicità”, come fosse un diritto che domani qualcuno ti può garantire, parlerei di “ricerca della felicità, dell’aspirazione alla felicità”.

La pandemia ha messo l’umanità di fronte ai suoi limiti – ha concluso la Prof.ssa Paola Severino, Vice Presidente dell’Ateneo, evidenziando le fragilità individuali e dell’intera società ma svelando anche le capacità di reazione e le opportunità che possiamo cogliere. In un momento così difficile e complicato è necessario ripartire dalla complessità del reale e capire cosa ci ha condotto fino a qui per riprogrammare il futuro prossimo e quello delle generazioni che verranno. Ricostruire la fiducia richiede tempo, impegnarsi a farlo è l’unica possibilità che abbiamo per dar vita a una profonda rinascita (politica, sociale e culturale) in grado di affrontare le grandi questioni globali”.

5 Marzo 2021

Share Post :